NEWS

I NOSTRI TESSUTI IN MOSTRA ALLA GALLERIA DELL’ACCADEMIA


Il Museo del Tessuto ha da poco avviato una prestigiosa collaborazione con la Galleria dell’Accademia di Firenze in occasione della mostra “Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura”,inaugurata il 5 dicembre e aperta al pubblico fino al 18 marzo 2018.
Una mostra assolutamente da vedere che si concentra sull’importanza dell’arte tessile a Firenze nel Trecento, dal punto di vista economico, nel campo della produzione artistica e nei costumi della società del tempo.
La tematica specialistica sui tessuti richiama un collegamento naturale con il nostro museo, che ha concesso in prestito un tessuto trecentesco di manifattura ilkhanide (Iran) e un tessuto trecentesco attributo a Lucca, oltre ad un multimediale sulla figura del mercante Francesco di Marco Datini che illustra il processo di fabbricazione e commercializzazione dei panni medievali. La nostra conservatrice, Daniela Degl’Innocenti, ha inoltre preso parte ai lavori del Comitato Scientifico della mostra e contribuito al catalogo.
Nel Trecento si afferma un importante fenomeno di circolazione e manifattura dei beni di lusso collegati alla moda. La produzione tessile fiorentina raggiunge livelli di eccellenza tali da affermarsi sui mercati europei e diventa uno dei pilastri dell’economia cittadina. Gli artigiani e i pittori, in particolare, trovano ampia ispirazione dalle stoffe e dalla moda del tempo, tanto da “trasferire” le lussuose trame dei tessuti nelle tavole e negli affreschi custoditi in città così come è possibile riscontrare nelle opere tessute e dipinte visibili nell’esposizione.

SPECIALE:
Per tutta la durata della mostra fiorentina (fino al 18 marzo 2018) sul retro del biglietto della Galleria dell’Accademia di Firenze sarà riportata la speciale convenzione che consentirà ai possessori del biglietto della mostra Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura di accedere al Museo del Tessuto di Prato e alle sue mostre al costo di 4 Euro invece di 7.

Facebooktwitterpinterest