ARCHIVIO NEWS 0

IL MUSEO ESPONE A MILANO UNICA


Dal 6 all’8 settembre il Museo è presente a Milano Unica nello stand “Prato. Heritage and Innovation” (Stand 16 H-Y) dove presenta i risultati del progetto che ha portato alla ricostruzione filologica del panno medievale del mercante pratese Francesco di Marco Datini. Oltre al panno nelle sue varianti di colore, scarlatto, verde, blu e paonazzo, saranno esposti i due capi realizzati con lo stesso tessuto:la ricostruzione del manto indossato dal mercante e la copia della casula, della mitria e della stola donate a papa Francesco in occasione della visita alla Diocesi di Prato nell’ottobre del 2015.

Il progetto è nato dalla volontà di ricercare le origini di una stoffa simbolo dell’identità tessile pratese, il panno di lana, dandogli nuova vita e mostrando la sua incredibile attualità. Una ricerca durata oltre tre anni che ha coinvolto il mondo della cultura e dell’industria cittadina, a partire dalla sponsorizzazione del Consorzio PratoTrade che ha sposato l’idea con entusiasmo. Lo studio è iniziato con l’analisi delle fonti storiche e con l’osservazione dei campioni originali conservati presso l’Archivio di Stato di Prato. Da qui sono stati estrapolati i dati tecnici necessari per la riproduzione dell’intero ciclo produttivo del panno, dalla filatura alla nobilitazione, in modo da ottenere un campione più fedele possibile all’originale. Il lavoro è il risultato di una collaborazione interdisciplinare tra il museo, l’Istituto di Storia Economica Datini di Prato, l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, e i professionisti dell’associazione Ex Allievi dell’Istituto “Tullio Buzzi”. La realizzazione tecnica è stata possibile grazie alla preziosa collaborazione di alcune aziende del territorio come Albini e Pitigliani,  Fondazione Lisio di Firenze, Filatura Papi Fabio e Rifinizione Santo Stefano.
Successivamente sono stati confezionati il mantello rosso scarlatto e la veste blu del mercante. Entrambi i capi sono stati tagliati e cuciti a mano basandosi su studi archeologici e iconografici in particolare facendo riferimento alla Trinità dei Musei Capitolini che ritrae Datini in vita insieme alla moglie Margherita e alla figlia Ginevra.
Il tessuto è stato infine utilizzato per confezionare una casula, una mitria ed una stola donate al Papa in occasione della sua visita a Prato, sulla scia di quanto fu fatto in occasione del Giubileo del 2000 quando al Santo Padre fu donato il piviale con cui celebrò l’apertura della Porta Santa.

Facebooktwitterpinterest

No Comments

Leave a reply